BISTECCA ALLA FIORENTINAVERSO L’UNESCO

I Comuni del Chianti e l’Accademia della Fiorentina
presentano La tradizione e la cultura gastronomica della Bistecca alla fiorentina
I Comuni del Chianti sostengono il processo di candidatura alla lista del Patrimonio Immateriale UNESCO


Sabato 9 dicembre 2023 ore 10
Via Machiavelli, davanti alPalazzo comunale
San Casciano in Val di Pesa


I Comuni di San Casciano in Val di Pesa, Greve in Chianti e Barberino Tavarnelle aderiscono al Protocollo d’intesa per il supporto e la promozione delle candidature alla lista del Patrimonio Immateriale UNESCO de
“La tradizione e la cultura gastronomica della bistecca alla fiorentina’ e della ‘Bistecca alla fiorentina’ come prodotto con riconoscimento di Specialità Tradizionale Garantita ai sensi del Regolamento (UE) 1151/2012.


Intervengono
Roberto Ciappi, sindaco di San Casciano in Val di Pesa
Paolo Sottani, sindaco di Greve in Chianti
David Baroncelli, sindaco di Barberino Tavarnelle e
Giovanni Brajon, presidente dell’Accademia della Fiorentina


Saranno presenti i macellai del territorio.


Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare

Corso di Formazione – 25 Novembre 2023

La valorizzazione di una pietanza tipica come la “bistecca alla fiorentina” passa attraverso la conoscenza di tutto il percorso, che conduce il prodotto finale sulle nostre tavole. Questa identità viene, però, spesso messa in crisi anche da una comunicazione imperfetta, compromessa da un mercato non rispettoso della qualità. Obiettivo di questo corso è l’approfondimento delle varie tappe che portano a realizzare questa pietanza, nel quadro di una comunicazione attenta anche alle suggestioni del dibattito relativo ai prodotti fake e alle soluzioni alternative.

 

Sede: Palazzo dell’Arte dei Beccai, via Orsanmichele, Firenze

 

25 novembre 2023

9-13

 

Programma

 

Coordina Donatella Lippi

 

  • Francesco Mineccia, Spunti per una storia della bistecca alla Fiorentina

 

  • Andrea Giuntini, Strumenti di valorizzazione delle filiere agroalimentari: l’esempio della Bistecca alla Fiorentina

 

  • Monica Dinu, Le proteine animali – e la bistecca – in un regime alimentare equilibrato

 

  • Maria Campagna, Le regole della valorizzazione in cucina

 

  • Aldo Fiordelli, Per una comunicazione sana: bistecche vere e bistecche finte

 

 

 

Al termine del corso l’Accademia è lieta di offrire un brindisi a tutti i partecipanti

Festival della bistecca di Firenze

Bistecca alla fiorentina: Gusta l’autentico piatto tradizionale al Festival della Bistecca di Firenze. Provenienza certificata, frollatura di tre settimane, cottura alla brace. Partecipa al festival il 26-28 maggio presso il Prato delle Cornacchie, Cascine di Firenze. Evento nell’ambito di Ultravox Firenze. Ingresso libero. Un’esperienza imperdibile!

IMEAT – INNOVAZIONE NEL COMPARTO CARNE – 26-27-28 MARZO 2023 – ModenaFiere

La carne è un settore in continua evoluzione e innovazione. Ecod ha lanciato nel 2013 iMEAT®, la fiera nazionale business-to-business dedicata alle attività operative della carne come macellerie al dettaglio, gastronomie e ristorazione specializzata. iMEAT® mette in contatto gli operatori del settore con i fornitori di tutte le merceologie dedicate, offrendo un’esperienza unica per il business. Partecipare a iMEAT® significa anche aggiornarsi su varie tematiche e problematiche che guardano al futuro del settore della carne. Scopri di più su iMEAT® e partecipa alla fiera per rimanere aggiornato sulle ultime novità del settore della carne.

Appello da Firenze: “Bollino europeo di qualità per la Bistecca alla Fiorentina” – 17 Febbraio 2023

L’Accademia della Bistecca alla Commissione Ue: “Riconoscetela come ‘Specialità tradizionale garantita’, al pari di pizza napoletana e Amatriciana”

Firenze, 17 febbraio 2023. Non è solo un piatto tipico locale, ma incarna il simbolo stesso della tradizione e della cultura enogastronomica di Firenze e della Toscana. Per questo la Bistecca alla Fiorentina merita di essere riconosciuta come “Specialità tradizionale garantita”, ovvero tra i piatti caratterizzati da composizioni o metodi di produzione tradizionali. È quanto sostiene l’Accademia della Fiorentina che oggi ha richiamato a Firenze personalità ed esperti nel campo della cultura, dell’agricoltura e dell’etica. Attualmente non sono molti i prodotti italiani che hanno ottenuto il riconoscimento Stg, fra questi la pizza napoletana e l’Amatriciana tradizionale.

 L’Accademia della Fiorentina è un’associazione di natura culturale che da oltre 30 anni celebra la Bistecca alla Fiorentina nei suoi aspetti di ricerca storica, sociale, scientifica e gastronomica, secondo i canoni della più autentica tradizione. “Nel 2020 – ha spiegato Giovanni Brajon, presidente dell’Accademia – abbiamo iscritto la Fiorentina tra i Prodotti agroalimentari tradizionali (Pat) della Toscana attestando, come richiesto, una tradizione non inferiore a 25 anni. Ma la nostra Bistecca non è solo un piatto tradizionale, è un vero patrimonio culturale e come tale vorremmo fosse riconosciuto”.

 La ” Specialità tradizionale garantita” non è un marchio legato all’origine del prodotto, come le Dop o le Igp, ma piuttosto una dicitura che ha per oggetto la valorizzazione di un metodo di produzione tradizionale, senza vincolo territoriale che deve esistere da almeno 30 anni: ciò significa che la bistecca può essere preparata in un qualsiasi paese dell’Unione europea, a patto che la produzione rispetti il relativo disciplinare e sia certificata da un organismo di controllo accreditato. 

Nel corso del convegno di oggi, organizzato in collaborazione con Intesa San Paolo, è stato Alessandro Giorgetti, Accademico dei Georgofili, a spiegare la peculiarità dell’allevamento bovino tradizionale e delle razze da carne allevate in Toscana per la produzione delle Bistecca. Padre Alberto Viganò, direttore del Centro Culturale San Tommaso d’Aquino di Perugia ha poi parlato del rapporto etico tra uomo e animale nella prospettiva cristiana, mentre Cristina Acidini, presidente dell’Accademia delle Arti del disegno ha illustrato esempi di celebrazione artistica dei Beccai: da una miniatura del 14esimo secolo che raffigura l'”uccisione del maiale”, fino “Chianina alla maniera di Andy Warhol”, passando per opere di Raffaello, Chagall, Guttuso, Goya e Monet. A chiudere le relazioni è stato Oreste Gerini, Direttore Generale del Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste che ha evidenziato quali sono gli strumenti per valorizzare e proteggere i prodotti agroalimentari italiani. La presentazione di un video realizzato dall’Accademia della Fiorentina per essere divulgato in Europa ha rappresentato tutti i saperi che contraddistinguono il prodotto dall’allevamento all’impiattamento. Infine, attesi gli interventi programmati di Associazioni ed Organizzazioni di categoria che partecipano ad un comitato promotore per valorizzare l’arte dei beccai , come si chiamavano nella Firenze del ‘400 i macellai ed i gestori di osterie e taverne, nell’ambito dell’accordo tra Regione Toscana, Comune di Firenze ed Accademia della Fiorentina.

Rotary coast to coast – edizione 2019

I Rotary Club Ascoli Piceno e Orbetello Costa d’Argento organizzano l’ottava edizione della Rotary Coast to Coast, raduno a livello nazionale di rotariani appassionati di auto d’epoca, dal 26 aprile al 1° maggio prossimi.

L’idea è quella di arrivare da Ascoli all’Argentario o viceversa (ogni anno partenza e arrivo si scambiano, rimanendo però fisse!) percorrendo una delle infinite combinazioni possibili, dando così la possibilità ai rotariani del centro Italia di visitare luoghi e percorsi di quello splendido territorio artistico, culturale ed ambientale che sono la Toscana, le Marche, l’Abruzzo, l’Umbria ed il Lazio.

Organizzata da Rotary Club Fiesole e Accademia della Fiorentina Patrocinio Comune di Fiesole Vengono designati due Accademici ad honorem